logo 26/08/2000
20:29 T.U.
Immagine di
Rolando Ligustri
Ripresa da
Latisana (Ud)
Sezione
Galassie
Maffei 1 galaxy: 48 KB
GALASSIA MAFFEI 1 (ELLITTICA GIGANTE)
Altre designazioni: IRAS 02329+5926, 2MASX J02363546+5939165, Anon 0232+59,
IRCO 3729, SH2-191, SPB 32, LEDA 9892, UGCA 34, GSC 03699-02055, Weinberger 19
Ascensione retta: 02h 36m 35,3s; declinazione: +59° 39' 17" (J2000.0)
Distanza: 9,88 ± 0,78 milioni a.l. (3,03 ± 0,24 milioni pc)
Magnitudine apparente (V): 17; Magnitudine assoluta (V): 3,872
Dimensione apparente: 3,36x1,68 minuti d'arco
Redshift: 0,000221 ± 0,000017
VelocitÓ radiale: 66 ± 5 km/s
Distanza da Segin (Epsilon Cassiopeie): 6,4°; angolo di posizione: 383°

In questa pagina si vede la galassia ellittica gigante Maffei 1, situata nella costellazione di Cassiopea (CAS-Cassiopeia) , in prossimità della stella Segin. E' la galassia princiapale del gruppo di galassie di Maffei 1 ed è anche la galassia ellittica gigante più vicina alla Via Lattea, distando poco meno di 10 milioni di anni luce da noi.
La sua scoperta nel 1968 (assieme alla galassia Maffei 2) fu merito dell'astronomo italiano Paolo Maffei, il quale la notò nell'infrarosso. Per questo, inizialmente, essa fu classificata come oggetto ad emissione infrarossa, mentre la sua natura galattica fu appurata solamente nel 1971, quando la si valutò come un membro potenziale del nostro Gruppo Locale. Essa si trova nella zona d'ombra della nostra galassia ed è in gran parte oscurata dalle stelle e dalle polveri della nostra Via Lattea, motivo per il quale non è facilmente visibile.
Dopo aver inizialmente pensato che essa fosse una delle galassie compagne della nostra nel Sistema Locale, l'ammasso di oltre una quarantina di galassie del quale fanno parte la Via Lattea, le due Nubi di Magellano, la galassie di Andromeda M31 e la galassia del Triangolo (M33), all'incirca alla fine degli anni '80 del secolo scorso se ne appurò la non appartenenza. Gli studi di dinamica galattica hanno definito che essa fa parte di un nuovo gruppo di galassie, che proprio da essa ne prende nome: il Gruppo di Maffei 1. Si è appurato che Maffei 1 ha due galassie satelliti, MB 1 e MB 2, scoperte nel 1995.
Maffei 1 ha una magnitudine relativa di 17, ma la sua magnitudine assoluta di 3,872 farebbe prevedere che tra qualche milione d'anni, quando per effetto del moto di rivoluzione del Sistema Solare attorno al centro di massa della Via Lattea il piano della nostra galassia non si frapporrà più sulla linea di vista di Maffei 1, essa sarà uno degli oggetti più luminosi del cielo notturno!
Si ringrazia Wikipedia per alcune informazioni e dati riportati in questa pagina.

Nell'immagine si osserva un corpo diffuso, con un nucleo centrale molto luminoso e una parte circostante molto meno appariscente. La ripresa di Ligustri, anche se ormai datata, è sintomatica dell'evoluzione delle strumentazioni degli astrofili (quindi non astronomi "professionisti"): quest'oggetto era, sino a pochi anni fa, precluso a tutti coloro non disponessero di strumenti per lo meno di alta qualità e grande diametro. Oggi, impiegando telescopi di buon diametro e ottimi ccd, si può riprendere l'oggetto con soli 60 secondi di posa complessiva, anche se la risoluzione sarà sempre limitata rispetto agli strumenti di diametro ben maggiore.

L'immagine è di 380x312 pixel, a 256 tono di grigio, con una dimensione di 231,5 KB, qui compressa a 48 KB. La risoluzione dell'immagine è di 2,9"/pixel. Il campo ripreso è di 18,8'x12,5'.

Telescopio Riflettore: CELESTRON 8"; f/6,3
CCD: SBIG ST7 (sensore Kaf 400)
Tempo di integrazione: somma di 2 pose da 30 secondi
Immagine pubblicata sulla rivista Coelum nº 34 dell'ottobre 2000.

Il Gruppo Locale | Indice delle Galassie | Fotografia, ccd e ricerca | Articoli
Homepage
Copyright © 2000-2017 di Lucio Furlanetto (testo) e 2000 di Rolando Ligustri (immagine)
Tutti i diritti sono riservati / All rights reserved

Pagina inserita in rete: 25 ottobre 2000; ultimo aggiornamento (6º): 18 marzo 2017